Ricetta involtini asparagi e pancetta

involtini-asparagi-ricetta-copertina

La primavera è il periodo degli asparagi, gustosissima verdura che può essere elaborata in mille modi per mille portate; possiamo trasformarli in primi piatti, secondi, contorni o torte salate.

STORIA DELL’ASPARAGO

Coltivazione di antica tradizione, ne troviamo traccia nella storia egizia fino a 2000 anni fa per arrivare addirittura in Asia Minore. Anche gli antichi Romani ne andavano ghiotti; gli Imperatori Romani mandavano appositamente della navi per raccogliere l’asparago e poterne poi gustare tale prelibatezza sulle proprie tavole.
Le note benefiche di questa verdura è altresì nota da tanti secoli: utilizzato in decotti per giovare ai reni e alle vie urinarie.

Leggi il resto

Dove parcheggiare a Ferrara

Dove parcheggiare a Ferrara

Ferrara, frara per gli amici, è importante città patrimonio Unesco; fu capitale del Ducato di Ferrara nel periodo degli Estensi. Ad oggi conta oltre 130 mila abitanti ed è un punto cruciale in Emilia Romagna per il turismo. A Ferrara è possibile visitare punti di interesse storico nazionale ma anche avere la possibilità di degustare prelibatezze gastronomiche. La cosa più importante a questo punto è sapere, una volta raggiunta la città estense, dove parcheggiare senza incorrere in perdite di tempo oppure in multe per aver oltre passato varchi ZTL.

Leggi il resto

Valli e Nebbie edizione 2019, si parte!

valli e nebbie ferrara copertina

Ferrara – avrà luogo il 29/30/31 Marzo l’edizione 2019 di una delle manifestazioni storiche più belle che la città Estense abbia mai ospitato. Si parte da piazza Castello, una location stupenda in cui auto di ogni epoca si mostreranno davanti alla mastodontica facciata est della fortezza Estense. Saranno presenti piloti da ogni parte d’Italia ma anche d’Europa; automobili dal valore storico immenso ma anche economicamente irraggiungibili.

Quest’anno si festeggia la trentesima edizione di questa manifestazione storica che prevede una partenza mozza fiato nella piazza Castello e poi una guida fra percorsi suggestivi nel territorio ferrarese.
Il programma che il club Officina Ferrarese, importante associazione che raduna i più grandi collezionisti e amatori di auto storiche della città e provincia, ha creato per quest’anno rende davvero onore al territorio ferrarese.

Storia Valli e Nebbie

Voglio riportare dalla pagina ufficiale sul sito di Officina Ferrarese una piccola parte della storia di questa stupenda manifestazione:

Nel 1990 l’allora presidente del club Giulio Felloni ebbe l’intuizione di creare una manifestazione legata all’automobilismo storico, alla conoscenza del nostro territorio, della nostra gastronomia e della cultura. Nacque così il “VALLI E NEBBIE“, la cui formula, inalterata, continua a mietere successi e consensi, tanto da arrivare nel 2019 alla sua 30a edizione.
Di particolare rilievo quella del 2009 in occasione del “ventennale” della manifestazione, a cui sono stati dedicati ampi resoconti da parte delle riviste specializzate nazionali.
L’ A.S.I. (Automotoclub Storico Italiano), a cui è federato il nostro Club, ha da diversi anni istituito un premio – la “Manovella d’Oro” – che conferisce annualmente alle migliori manifestazioni tra quelle svoltesi a livello nazionale. Il premio viene attribuito a seguito di una selezione operata dalla apposita Commissione Nazionale Manifestazioni Auto dell’A.S.I. e viene consegnato durante la riunione annuale dei presidenti dei club federati A.S.I.
All’Officina Ferrarese è stata attribuita la “Manovella d’Oro” per ben dieci anni. Particolarmente significativa, per sottolineare il valore di questo riconoscimento, è la motivazione espressa in occasione della consegna del premio per l’anno 2001:
VALLI e NEBBIE – OFFICINA FERRARESE DEL MOTORISMO STORICO FERRARA
“Interpretazione praticamente perfetta di come dovrebbero essere le manifestazioni dell’Automotoclub Storico Italiano, un parco vetture sempre inedito, grande eleganza generale e signorilità nell’ospitalità. Ma soprattutto un’occasione tra le più felici per ritrovarsi e condividere la propria passione con amici sinceri.”
Da sempre il Valli e Nebbie apre la stagione dei grandi Eventi ASI.
L’abbinare il piacere di guidare il proprio mezzo storico a quello di poter visitare luoghi ricchi di storia e di cultura è lo spirito che anima gli organizzatori ferraresi del Valli e Nebbie sin dalla sua nascita.

testo liberamente tratto (e corretto degli errori) da:
http://www.officinaferrarese.com/index.php?option=com_content&view=article&id=15&Itemid=145

Auto storiche presenti

Valli e Nebbie 2019 automobili ed iscritti.
Valli e Nebbie, largo Castello foto repertorio 2018

Sono oltre 90 le auto iscritte a questa prestigiosa manifestazione, ognuna con un equipaggio composto da un conduttore ed un navigatore.
Le automobili iscritte portano nomi importanti, che hanno fatto la storia, e che rappresentano un’epoca che ha reso grande la nostra civiltà in fatto di evoluzione tecnologica.
Tanto per citarne alcune questo ultimo week end di Marzo potremmo vedere alla Valli e Nebbie auto del calibro di: Bugatti, Ferrari, Maserati, Porsche, Jaguar, Alfa Romeo e molte altre.
Auto storiche che rappresentano un lasso di tempo che va dagli anni ’20 fino agli anni ’80.

Programma Valli e Nebbie 2019

Valli e Nebbie 2019 automobili

La partenza del raduno è fissata per Sabato 30 Marzo alle ore 9:00, sempre da piazza Castello. Poi seguirà il seguente percorso:

Sabato 30 Marzo

  • ore 9,30 Masi Torello – Piazza Municipio – Controllo timbro
  • ore 9,45 Parasacco – prove cronometrate
  • ore 10,00 Migliarino – Piazza Repubblica – controllo timbro
  • ore 10,15 Comacchio – sfilata centro storico
  • ore 10,30 Porto Garibaldi – sosta colazione da “Quelli di Flip”
  • ore 10,45 Porto Garibaldi Lungomare – prove cronometrate
  • ore 11,00 Spiaggia Romea – prove cronometrate e percorso naturalistico pineta
  • ore 13,00 Mesola (FE) – Castello : pranzo a base di pesce.
  • ore 16,15 Tenuta Zenzalino – percorso naturalistico
  • ore 16,30 Copparo – prove cronometrate
  • ore 16,45 Copparo Aliper – controllo timbro
  • ore 17,00 Ferrara – Piazza Castello: parco chiuso.
  • ore 20,15 Ferrara – Castello Estense: cena di gala.

Domenica 31 Marzo

  • ore 9,30 Ferrara – Piazza Castello: partenza 1° vettura
  • ore 10,00 Bondeno – Museo della Bonifica Pilastresi e colazione
  • ore 11,00 Bondeno – Prove cronometrate
  • ore 11,30 Ferrara – Piazza Trento e Trieste – sfilata e concorso di eleganza in movimento
  • ore 13,00 Ferrara Teatro Claudio Abbado pranzo e premiazioni

Link utili Valli e Nebbie 2019

Visitare Comacchio, le perle del turismo a Ferrara

comacchio i trepponti canale visitare

Comacchio è una perla della provincia di Ferrara situato sul delta di Po ha una storia veramente antica che si può assaporare percorrendo a piedi le stradelle che compongono la parte più antica della città. Visitare Comacchio diventa un piacere per le bellezze architettoniche che si possono ammirare ma sopratutto per la qualità gastronomiche che la città lagunare propone a tutti i suoi ospiti.

Leggi il resto

Monastero del Corpus Domini: la tomba di Lucrezia Borgia e degli Estensi

Si nasconde in una viuzza di una zona antica, medioevale, di Ferrara un monastero dall’aria irrilevante che in mezzo a tante abitazioni fa quasi perdere la sua reale importanza. Sto parlando del Monastero del Corpus Domini una zona religiosa come tante altre se non fosse per i suoi ‘ospiti’ famosi e famigerati; infatti qui hanno trovato l’eterno riposo molti Estensi che per anni hanno governato la città e sopratutto Lucrezia Borgia.

Leggi il resto

Ricetta Risotto con la zucca

risotto-con-la-zucca

Siamo in autunno, stagione della zucca ferrarese, quindi non possiamo farci mancare un bel risotto con questa fantastica verdura.

Ingredienti per 2 persone:

  • 140 grammi di Riso Carnaroli del Delta;
  • 200 grammi di zucca già cotta;
  • Parmigiano Reggiano q.b.;
  • 1 costa di sedano;
  • 1 carota;
  • 1 patata;
  • Cipolla q.b.;
  • Olio q.b.

Preparazione:

Prendiamo un tegame bello capiente e prepariamo il brodo vegetale con cui andremo a cuocere il riso. Mettete a bollire per qualche minuto la carota (prima lavata e pelata), il sedano (prima lavato e senza le foglie) e la patata (prima lavata e pelata). Dopo che l’acqua inizia a prendere colore spegniamo il fuoco.

Tagliamo una mezza cipolla a cubetti, poi prendiamo una padella ci versiamo l’olio e la cipolla. Quando la cipolla inizia ad essere dorata buttiamo il riso e lo facciamo dorare ed iniziamo a cuocerlo versando il brodo vegetale nel riso a mano a mano che serve utilizzando un mestolo alla volta.

Teniamo sempre d’occhio lo stato di cottura del riso assaggiandolo di tanto in tanto. Una volta che ci accorgiamo che mancano pochi minuti aggiungiamo la parte interna della zucca cotta e mescoliamo fino a far diventare un composto omogeneo.

Serviamolo su un piatto magari con qualche pezzo di zucca per guarnirlo.

Buon appetito!!