Dalla cucina del Messisbugo: torta d’erbe alla Ferrarese o alla romagnola

Piglia una brancata di bieta ben lavata, e trita molto bene, e ponila in un vaso con povine quattro fresche e quattro bicchieri di latta, et uova otto e libre dui di formaggio grasso e una libra di butiro fresco et un quarto di peucre pisto, et incorpora bene ogni cosa insieme, e onta la patella con oncie tre di butiro fresco li porrai sopra la prima sfoglia, e poi sopra la compositione sopradetta, e distendila bene sopra la sfoglia poi, haverai libra meza di Formaggio tomino ben grasso fatto in fettine quanto li puo sottili, e li distenderai sopra detta compositione, e li porrai poi sopra l’altra sfoglia facendoli l’ordello intorno, poi li porrai sopra libra meza di butiro fresco disfatto, e la porrai a cuocere, e quando serà quasi cotta li porrai sopra oncie quattro di Zuccaro, poi la finirai di cuocere

Mangiate come piatto unico, servite in ricchi buffet o preparate per pic-nic all’aperto, le torte salate sono una pietanza immancabile in ogni ricettario di famiglia. Spesso basta avere un rotolo di pasta sfoglia pronto in frigo per sfornare tante delizie diverse, con gli ingredienti più disparati. Se invece la vostra ricetta non è frutto dell’improvvisazione allora avete l’imbarazzo della scelta: a partire dalla base. Pasta sfoglia, pasta brisè, ma anche pasta fillo e pasta pane: sono molti gli impasti che si prestano a essere farciti per deliziare i nostri palati. Per togliervi dall’imbarazzo di scegliere cosa preparare, vi proponiamo una ricetta antica eppur attualissima: quella della torte d’erbe alla ferrarese, tratta dal Libro Novo di Cristorforo da Messisbugo.

Partiamo dalla sfoglia o meglio dalla “pasta comune a ogni torta a due sfoglie”, per la quale Messisbugo impastava una libbra e mezzo di farina (circa 450 grammi) con due tuorli d’uovo e due once di burro (60 grammi) e acqua. Per un tocco di colore, all’impasto si aggiunge un pizzico di zafferano. Messisbugo alla ricetta aggiunge anche zucchero (due once) e acqua di rosa, ma noi possiamo anche farne a meno. Una volta lasciata la sfoglia a riposare, passiamo al ripieno. Nella ricetta originale si trita bene un mazzo di biete lessate e si uniscono a quattro ricottine fresche e quattro bicchieri di latte, otto uova e 600 gr di formaggio grasso, 300 gr di burro fuso, sale e pepe. In quei tempi non si prestava molta attenzione al colesterolo evidentemente, ma noi possiamo regolare le quantità di ricotta, di formaggio e di burro a seconda della consistenza dell’impasto. Per lo stesso motivo, se abbiamo la carta forno possiamo evitare di ungere la teglia con il burro. Poniamo la sfoglia nella teglia, riempiamo con il composto di bietola e ricotta, sopra di essa mettiamo delle fettine sottili di formaggio tomino ben grasso e, infine, richiudiamo con un altro strato di sfoglia. Il burro sciolto non manca neppure sull’ultimo strato di sfoglia e, per non farsi mancare nulla, a cottura quasi ultimata Messisbugo ci aggiunge anche dello zucchero. In questo modo, si avrà una lucidatura di caramello e quel gusto dolce e salato insieme tipico della cucina rinascimentale.

Provate a riprodurre la ricetta originale della torta d’erbe alla ferrarese di Cristoforo da Messisbugo e fateci sapere come è andata!

Questo articolo è stato inserito in news. Bookmark the permalink.

by Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *