Coppia Ferrarese: pane da corte

pane ferrarese

La coppia ferrarese è un bene assai prezioso ed è trattata con il rispetto dovuto, come fosse una signora, sin dal 1536. Uno statuto preciso e rigido riportava le regole da seguire per la sua produzione ed è forse per questo motivo che nella sua straordinaria bontà e semplicità è arrivata fino a noi.
Qualsivoglia forno della provincia ferrarese vende la coppia nella sue molteplici varietà; all’olio extra vergine di oliva come quella tradizionale, semigrassa, magra e senza lievito la più particolare e rivisitata. La sua forma la rende unica nelle sue varietà di gusto, croccante all’esterno (crostini) e morbida nel cuore. Non ha stagione e momento della giornata migliore. Può essere consumata al momento o conservata. Accompagna i pasti principali ma anche le merende più sostanziose. Con l’estate alle porte non c’è niente di meglio di una buona coppia ferrarese accompagnata con salume, il prosciutto crudo è consigliato per un secondo piatto veloce e fresco. Sul territorio italiano la coppia ferrarese ha “avversari” importanti e altrettanto buoni, ma a mio avviso è lei la vincitrice, sarò forse di parte, ma sa appagare e saziare. Per palati golosi, la coppia ha in serbo una grande ricchezza; si potrebbe pensare che gli Estensi fossero a conoscenza di una grande futura invenzione, la famosa crema alla nocciola che ha conquistato tutti. Immaginate il crostino croccante e sopra un po’ di nutella, il contrasto dolce e salato, ed è subito amore.

Questo articolo è stato inserito in news. Bookmark the permalink.

by Chiara Melloni

Studentessa universitaria, cresciuta in una famiglia che da generazioni si occupa di alimentari. Scrivo in questo blog per far conoscere le mie esperienze culinarie e per scoprire quel cibo che, per mia grandissima fortuna esiste e io non ho ancora incontrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *