Zuppa inglese la ricetta

zuppa inglese

Di origine inglese questo dolce viene “importato” in Italia nel Rinascimento grazie ad un personaggio illustre di quell’epoca che, una volta assaggiato, non pote farne a meno neanche in patria e chiese ai suoi cuochi di creare un dessert simile; ecco quindi il risultato!

Ingredienti:

  • 500 g ciambella ferrarese (ovviamente questa è la variante di Ferrara ;-) se no si usa il pan di Spagna );
  • Alchermes q.b. per la bagna;
  • 2 cucchiai colmi di cacao amaro in polvere;
  • 600 ml di latte;
  • 6 tuorli di uovo;
  • 6 cucchiai di zucchero;
  • 3 cucchiai di farina;
  • 1 bustina di vanillina

Preparazione:

Preparate la crema pasticcera e una volta pronta dividete la porzione a metà in delle due parti aggiungete i due cucchiaia di cacao amaro e mescolate.

Tagliate a fette la ciambella e sistemate uno strato in una terrina e bagnatela poi con l’Alchermes; la quantità di liquore è soggettiva in base ai vostri gusti. Poi aggiungete uno strato di crema pasticcera, poi ancora uno strato di ciambella e così via alternando i colori della crema.
L’importante è che l’ultimo strato sia di crema perchè dovrà essere spolverato con il cacao amaro.

Coprite la terrina con pellicola o stagnola e posizionate il dolce in frigorifero per almeno 12 ore.

Servitelo fresco e gustatevi questa bontà!

Questo articolo è stato inserito in news. Bookmark the permalink.

by Lorenza Melloni

Moglie, mamma di due bimbi e appassionata da sempre delle tradizioni culinarie ferraresi: tramite il mio lavoro, che mi porta quotidianamente ad essere a contatto con diverse persone, ho potuto apprendere, riscoprire e rivisitare "antichi sapori".

3 thoughts on “Zuppa inglese la ricetta

  1. Alessandra says:

    Ma questa è la finta zuppa inglese ferrarese, in quella vera ci va la marmellata di visciole oltre le creme…e due liquori…l alchermes serve solo per colorare il pan di Spagna , poi la zuppa inglese vera va coperta con il pan di Spagna o la ciambella e non si finisce con la crema ….scusa per il mio commentino ma io proprio non ce la faccio a lasciar passare questa ricetta come la zuppa inglese ferrarese ahahahahah son troppo golosa e orgogliosa della cucina ferrarese..infine va servita in una terrina trasparente così da lasciar vedere gli strati colorati….questa è invece la zuppa inglese che ti danno nei ristoranti, che è diversa dalla zuppa inglese che i ferraresi fanno in casa da secoli ..ciao

    • Supermario says:

      Quali sarebbero i due liquori? Come si fa a mettere il cacao nella crema con il limone grattugiato? È una dicotomia di sapori. Io sapevo del budino e con l’aggiunta di uva passa al liquore. Un vecchio buongustaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *