Tagliata di fegato della Nonna

Tagliata di fegato

Il suino è da sempre uno degli animali più utilizzati nella cucina tradizionale ferrarese. I nostri nonni non hanno mai buttato via niente e tutto finiva sulle loro tavole. Oggi vi insegno come creare una buonissimo piatto: Tagliata di Fegato!

Ringrazio per questa delizia cuoco Ugo della Piadineria Nonna Papera di Mirabello!

Ingredienti per 4/5 persone:

  • 4 etti di fegato di suino
  • 2 cipolle bianche
  • 3 cucchiai di passata di pomodoro corposa
  • 2 caspi di radicchio a foglia lunga
  • 1 bicchiere di latte
  • ½ bicchiere di vino bianco fermo

Preparazione:

Mettere il fegato a mollo nel latte per 1 ora. Dopo di ché scolare e tagliarlo a julienne grossolanamente.

Far appassire la cipolla tritata in una padella antiaderente con una noce di burro e un cucchiaio d’olio di girasole.

Aggiungere il fegato e lasciarlo scuocere lentamente.

Aggiungere il vino e lasciarlo evaporare.

Salare e pepare qb. e aggiungere la passata di pomodoro, (in caso risulti secco aggiungere un cucchiaio di acqua) e portare a fine cottura lentamente.

Nel frattempo, lavare il radicchio. Mettere da parte qualche foglia intera per utilizzarla nella preparazione del piatto. Tagliare a julienne il restante radicchio e rosolatelo in una padella antiaderente con una noce di burro e un cucchiaio di olio di girasole con un fondo di cipolla tritata. Salate e pepate qb.

Servire in un piatto da portata piano a sfondo bianco. Adagiare il fegato su un letto creato con le foglie di radicchio intere e aggiungere il radicchio saltato come contorno.

by Luca Melloni

Appassionato di tecnologia e del mangiar bene (chi non lo è? :-) ), sono autore in questo blog in quanto lavoro nell'ambito dei prodotti alimentari con la mia famiglia da diversi anni. Fin da quando ero piccolo sono sempre stato immerso nel mondo del cibo; già i miei nonni andavano a procurarsi il Parmigiano Reggiano con i pochi mezzi che avevano a disposizione ed ho sempre vissuto questa atmosfera. Specializzato in prodotti agroalimentari sopratutto per quello che riguarda la zona ferrarese e nell'ambito orto frutticolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *