Ricetta della Mariconda o Paparuccia

Mariconda

Una cucina povera quella di una volta, che doveva recuperare tutto il possibile ed eliminare gli sprechi. Così nasce la Mariconda o Paparuccia, un sapore tradizionale che qualsiasi ferrarese ricorda sopratutto se ha avuto la fortuna di conoscere i propri nonni o bisnonni!

Ringrazio per questa delizia cuoco Ugo della Piadineria Nonna Papera di Mirabello!

Ingredienti per 4/5 persone:

  • 1 litro di brodo di fagioli
  • 120 g di farina di mais (per polenta)
  • 1 cipolla bianca
  • 500 g di lardo di suino
  • olio di oliva qb

Preparazione:

Mettere a bollire il brodo di fagioli e aggiungere la farina di mais a pioggia mescolando con una frusta fino ad impasto omogeneo e far cuocere tenendo mescolato per un ora a fuoco medio.

In una padella antiaderente far appassire la cipolla tagliata a cubetti sottili aggiungendo il lardo tagliato a cubetti.

Al termine dell’ora di cottura della polenta nel brodo di fagioli, aggiungere due cucchiai di olio di oliva, aggiungere il soffritto di cipolla e lardo, aggiungere qualche fagiolo borlotto intero e mescolare per incorporare.

Togliere dal fuoco la polenta e metterla a piacere in piatti fondi.

Condire a caldo con rosmarino tritato, olio d’oliva e scaglie di grana.

 

Questo articolo è stato inserito in news. Bookmark the permalink.

by Luca Melloni

Appassionato di tecnologia e del mangiar bene (chi non lo è? :-) ), sono autore in questo blog in quanto lavoro nell'ambito dei prodotti alimentari con la mia famiglia da diversi anni. Fin da quando ero piccolo sono sempre stato immerso nel mondo del cibo; già i miei nonni andavano a procurarsi il Parmigiano Reggiano con i pochi mezzi che avevano a disposizione ed ho sempre vissuto questa atmosfera. Specializzato in prodotti agroalimentari sopratutto per quello che riguarda la zona ferrarese e nell'ambito orto frutticolo.

7 thoughts on “Ricetta della Mariconda o Paparuccia

    • Maurizio Bianchi says:

      Caro Sergio,
      confermo la tua ricetta ma ricordo che la mia nonna DELFINA, celebre cuoca attiva fino al 1946, nella sua trattoria QUATAR VENT, ( angolo Ripagrande – Porta Reno ) raccomandava di friggere in generoa dose di strutto di maiale. A risentirci e Buon Appetito !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *