Piacere, Brazadela

Ciambella Ferrarese

Alcuni giorni fa, passeggiando per il centro di Ferrara per approfittare del piacevole sole primaverile, un dolce profumo attirò la mia attenzione… Seguendone la scia con una leggera acquolina in bocca, decisi di entrare nel forno da dove proveniva.

Sugli scaffali c‘erano biscotti di vario tipo, al banco coppie, pizza, pinzone e la tradizionale brazadela. Quando trovo la brazadela in vendita in forni e negozi non posso fare a meno di comprarla, tanto è grande la curiosità di assaggiarla e di confrontarla con quella che bisnonne e nonne preparavano per ogni evenienza.

Era come quella dei miei ricordi d’infanzia. La sua forma ovale caratteristica, la sua consistenza (che ha mantenuto una volta tagliata a strisce non troppo spesse e intinta, come la tradizione vuole, nel vino rosso), il suo sapore… tutto di quella brazadela mi ha riportato indietro nel tempo.

E voi avete mai assaggiato la brazadela? Benché sia un alimento sostanzioso, è semplice nel gusto e veloce da preparare. Così quando la giornata diventa all’improvviso piovosa la si può cucinare in casa con i pochi ingredienti essenziali (guardate nella dispensa che sicuramente avrete: farina, burro, zucchero e uova) e il risultato è assicurato.

La brazadela è perfetta come dessert a fine pasto, ma è ottima anche per una gustosa merenda o per una sostanziosa colazione. Se inzuppata nel latte o nel caffè, la brazadela si ammorbidisce senza disfarsi e voi potrete gustarvi una delizia unica. Del resto, la prima colazione è importante per iniziare bene la giornata e farla mangiando la brazadela è una garanzia in più per partire con il piede giusto. Voi non vi svegliereste con più grinta al mattino, sapendo di poter gustare questa semplice e appagante specialità ferrarese?

Questo articolo è stato inserito in news. Bookmark the permalink.

by Chiara Melloni

Studentessa universitaria, cresciuta in una famiglia che da generazioni si occupa di alimentari. Scrivo in questo blog per far conoscere le mie esperienze culinarie e per scoprire quel cibo che, per mia grandissima fortuna esiste e io non ho ancora incontrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.