Nelle valli di Comacchio: una gita slow

Una giornata a Comacchio è una giornata da vivere a un ritmo lento. Lento come lo scivolare dell’imbarcazione che ci porta alla scoperta delle Valli di Comacchio, alla foce del Parco del Delta del Po. Rilassato è il ritmo della tradizione, che anche nei mestieri segue rituali rimasti immutati nel tempo e che oggi vengono riscoperti visitando la Manifattura dei Marinati. Lento, e quindi slow, sta anche a indicare il Presidio Slow food che proprio l’anguilla marinata tradizionale delle valli di Comacchio si è meritato.

Godere di una giornata come questa è ancora più semplice grazie al Comacchio Museum Pass: un biglietto unico, a un prezzo accessibile, che consente di accedere ai musei di Comacchio (il Museo della Nave Romana, il Museo Remo Brindisi e la Manifattura dei Marinati) e di aggiungere un’escursione in barca nelle Valli di Comacchio.
Si può iniziare la giornata immersi nella natura del Parco del Delta del Po, alla scoperta delle centinaia di specie di uccelli che popolano la foce del Po e alla riscoperta di un’attività antica quanto il fiume stesso: la pesca. Una sosta alle due stazioni da Pesca di Pegoraro e Serilla vi permetterà di rivivere la vita dei pescatori di queste valli, i cosiddetti Vallanti.
Questo contatto con la tradizione continua anche nel centro di Comacchio. In particolare, durante la visita alla Manifattura dei Marinati, sarà possibile scoprire un’attività che rappresenta una parte fondamentale della storia di Comacchio. In questa fabbrica/museo, ancora attiva, viene celebrato il legame di un popolo con il territorio, i suoi frutti e la tradizione, portata avanti con cura e con immutata passione.
E per onorare al meglio la tradizione della pesca dell’anguilla, tra un museo e l’altro, è obbligatorio fare una sosta in uno dei tanti ristoranti comacchiesi, per gustare la “regina delle Valli” in tutte le ricette della nostra cucina tipica.

Questo articolo è stato inserito in news. Bookmark the permalink.

by Redazione

2 thoughts on “Nelle valli di Comacchio: una gita slow

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *