Chicchi del Delta del Po

Insalata di riso

La provincia ferrarese nelle zone della cosiddetta “Grande Bonifica” produce un alimento che, a stupore di tutti, è qualitativamente migliore di tanti altri: il RISO.

Solitamente, pensando a una tipica famiglia ferrarese si ha l’idea che alla domenica o nelle giornate di festa, come “tradizione” vuole, la pietanza principale possa essere un piatto ricco di cappelletti o cappellacci. Nella mia famiglia, invece, in queste occasioni c’è il riso: dal Baldo, Arborio, Carnaroli e Volano, arricchito dai condimenti più disparati.

La varietà di condimenti che si possono abbinare al riso è sorprendente. I più gettonati nella mia famiglia sono: il classico zafferano; zucchine; carote e patate; ragù; radicchio e zucca. Ognuno di questi, a suo modo, rende delizioso il sapore del riso, che di per se è già ottimo: uno dei migliori tra i cereali!

Non ha importanza che sia inverno o estate, il riso è un alimento assai versatile. Sa saziare e appagare. D’inverno accompagna i pranzi nelle giornate più fredde, mentre durante l’estate l’insalata di riso è l’ideale per un pranzo sotto l’ombrellone. E qui sì che ci si può sbizzarrire con gli ingredienti creando un piatto leggero e colorato. E se ne avete abbastanza dei classici ingredienti, perché non osare con preparazioni nuove? Magari sfruttando i prodotti tipici della nostra terra per creare un’insolita insalata di riso! Melone e gamberetti oppure un riso freddo con asparagi, carote e pomodorini sono due gustosi esempi…

E lasciando il mare per tornare verso la città, magari al tramonto quando tutto diventa più suggestivo, si possono osservare le risaie dalle quali nasce e cresce questo fantastico prodotto. Non per tutti è possibile osservare il panorama di questa insolita cultura e assaggiarne i “frutti”!

 

 

Questo articolo è stato inserito in news. Bookmark the permalink.

by Chiara Melloni

Studentessa universitaria, cresciuta in una famiglia che da generazioni si occupa di alimentari. Scrivo in questo blog per far conoscere le mie esperienze culinarie e per scoprire quel cibo che, per mia grandissima fortuna esiste e io non ho ancora incontrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *